DONA ORA

MODALITA' PER SOSTENERCI

 


 


 

Il Soggiorno Proposta è un' associazione di promozione sociale APS, il cui fondatore è il Salesiano Don Luigi Giovannoni.

Ci rivolgiamo a giovani:
- tossicodipendenti
- alcolisti
- cocainomani, assuntori "nuove droghe" e poliassuntori
- con difficoltà psicologiche e relazionali
- con problemi legali (in affidamento al servizio sociale).

…DALLO STATUTO

L'Associazione Soggiorno Proposta aps:

L’Associazione esercita in via esclusiva o principale una o più attività di interesse generale per il perseguimento senza scopo di lucro di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale.

L’Associazione, nel riconoscere il ruolo del soggetto promotore «Centro Nazionale Opere Salesiane - CNOS», ente con personalità giuridica civilmente riconosciuta con D.P.R. 20 settembre 1967, n. 1016, modificato con D.P.R. 2 maggio 1969, n. 294, e con l’adesione alla «Associazione Salesiani per il Sociale APS» nonché al suo organo territoriale «Associazione Salesiani per il Sociale Italia Centrale APS», intende condividere l’impegno ad assicurare e qualificare nel territorio le dimensioni educative, formative, preventive e promozionali all’interno di una concezione unitaria di uomo e di società ispirata esplicitamente ai valori cristiani, alla dottrina sociale della Chiesa e al sistema preventivo di Don Bosco che si esprime nel progetto e nella prassi salesiana.

La struttura dell’Associazione è democratica e apartitica; le cariche associative sono elettive.

L’Associazione è impegnata ad assicurare e qualificare la propria attività all’interno di una concezione unitaria di uomo e di società ispirata esplicitamente al sistema preventivo di Don Bosco, al progetto e alla prassi salesiana. A tal fine le sue finalità sono quelle di:

  1. operare nei settori della prevenzione, della cura, della riabilitazione e del reinserimento sociale dei giovani bisognosi nella sfera psico-sociale, assistenziale-umanitaria, culturale e scolastica-professionale, prevenzione e contrasto di tutte le forme di disagio, emarginazione, esclusione di minori, giovani e categorie svantaggiate anche mediante collegamenti con strutture esterne qualificate;
  2. curare la dimensione educativa, formativa, preventiva e terapeutica delle attività svolte nelle sedi proprie e in quelle delle organizzazioni associate:
  3. concorrere e collaborare al conseguimento dei compiti del Servizio Sanitario Nazionale e dei Piani di Zona in materia di prevenzione e di intervento contro l’uso di sostanze stupefacenti e di alcolici mediante comunità terapeutiche e altre forme di accoglienza residenziali, semiresidenziali e non finalizzate all’esercizio di attività di prevenzione, recupero e reinserimento;
  4. promuovere e diffondere la cultura della solidarietà, della cittadinanza attiva, del volontariato, del servizio civile regionale, nazionale e universale, nonché attività di studio, ricerca, documentazione e pubblicazioni che hanno attinenza con l’emarginazione giovanile;
  5. promuovere l’agio e il benessere psico-sociale;
  6. accogliere, sostenere e accompagnare minori di entrambi i sessi con situazioni di disagio personale e/o familiare pregiudizievoli per la loro serena crescita psicofisica e la loro realizzazione;
  7. accogliere, sostenere e accompagnare giovani e adulti di entrambi i sessi con situazioni di dipendenza sostenendo il recupero di energie fisiche, emotive e psicologiche mirate alla costruzione di un progetto di vita autonomo e libero da sostanze e situazioni che causano dipendenza;
  8. dare sostegno alle famiglie in condizioni di fragilità, esclusione, emarginazione;
  9. promuovere i princìpi di uguaglianza, di solidarietà sociale, di pari dignità degli individui e dei gruppi;
  10. sostenere i diritti di pari opportunità fra donne e uomini;
  11. sostenere uno sviluppo economico e sociale che valorizzi le attitudini e le capacità umane e professionali;
  12. sostenere il diritto alla cultura, all’educazione e alla formazione permanente;
  13. realizzare un sistema integrato di servizi sociali e sanitari;
  14. sviluppare la pratica sportiva e di educazione del corpo e promozione della salute;
  15. supportare lo sviluppo della democrazia e della persona umana;
  16. valorizzare la pace, la cultura multietnica e multireligiosa e la solidarietà fra i popoli;
  17. impegnarsi per il conseguimento di una nuova qualità di vita nel rispetto del diritto delle persone;
  18. sostenere, a scopo terapeutico, iniziative lavorative nei vari settori produttivi;
  19. organizzare la formazione e l’aggiornamento degli Operatori dell’Associazione, delle Organizzazioni associate, degli Associati, dei non Associati e dei destinatari dell’attività;
  20. promuove l’elaborazione e la diffusione di una cultura aperta alla partecipazione responsabile nella vita sociale, alla non violenza, alla solidarietà e fraternità per rispondere ai bisogni sociali emergenti, specie a quelli dei giovani più esposti al disagio e all’emarginazione.

Le attività dell’Associazione possono esplicitarsi attraverso:

  1. interventi e servizi sociali, socio assistenziali, socio-sanitari, ricreativi e socio ricreativi;
  2. prestazioni socio-sanitarie di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 14 febbraio 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 129 del 6 giugno 2001, e successive modificazioni;
  3. organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale, incluse attività, anche editoriali, di promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato e delle attività di interesse generale di cui al presente articolo;
  4. formazione extra-scolastica, finalizzata alla prevenzione della dispersione scolastica e al successo scolastico e formativo, alla prevenzione del bullismo e al contrasto della povertà educativa;
  5. alloggio sociale, ai sensi del decreto del Ministero delle infrastrutture del 22 aprile 2008, e successive modificazioni, nonché ogni altra attività di carattere residenziale temporaneo diretta a soddisfare bisogni sociali, sanitari, culturali, formativi o lavorativi;
  6. agricoltura sociale, ai sensi dell'articolo 2 della legge 18 agosto 2015, n. 141 , e successive modificazioni.


L'Associazione Soggiorno Proposta costituita il 30.09.1985 (atto nr. 8936 del Rep. Gentile, degli atti e nr. 4111 della raccolta) ha sede legale in Ortona (CH) C.da Villamagna, n. 4.

- È iscritta all'Albo degli Enti Ausiliari della Regione Abruzzo dal 1986 e nuovamente iscritta con DECRETO N. 365 DEL 09.07.97.

- È iscritta al Registro delle Associazioni di Volontariato della Regione Abruzzo con DECRETO N. 1040 DEL 18.10.94.

- È iscritta all'Anagrafe Unica delle ONLUS ai sensi art. 3 comma 2 del D.M. 18 luglio 2003 n. 266 con prot. n. 39033 del 10.11 2003.

- È stata individuata con Decreto del 4 febbraio 1994 dal Ministero di Grazia e Giustizia come Comunità Terapeutica idonea all'Affidamento in Prova al Servizio Sociale art. 94 del T.U. sulle tossicodipendenze Legge N. 309/90.

- È inserita da diversi anni all'interno di vari coordinamenti:
1. C.N.C.A. (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza)
2. Federazione S.C.S-C.N.O.S. Salesiani per il Sociale
4. Consulta per il Volontariato Comune di Ortona
5. Consulta Giovanile Comune di Ortona

 

ORGANICO ASSOCIAZIONE SOGGIORNO PROPOSTA aps

Organi dell’Associazione

  1. 1.ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI
  2. 2.CONSIGLIO DIRETTIVO
  • Presidente
  • Vice Presidente
  • Consigliere
  • Consigliere
  • Consigliere
  • Organo di Controllo con 3 membri effettivi e due supplenti. Tutti iscritti all'Albo dei Revisori Contabili

Direttore

Personale

Volontari
Collaborano costantemente nell’arco dell’anno con il Soggiorno Proposta circa 40 volontari che mettono a disposizione la loro umanità e professionalità per le varie attività rivolte ai residenti. Sono: medici, paramedici, psichiatra, psicologi, legali, docenti, amministrativi, tecnici, formatori attività artigianali e formatori attività varie.

E’ anche costante la presenza di giovani tirocinanti che stanno facendo la formazione da psicologi, sociologi e assistenti sociali.