Ri Creo progetto

 

Aree prioritarie di intervento

  • realizzare azioni di responsabilizzazione e di coinvolgimento attivo dei beneficiari finali (welfare generativo), al fine di aumentare il rendimento degli interventi attuati a beneficio dell’intera comunità;
  • contrasto delle condizioni di fragilità e di svantaggio della persona al fine di intervenire sui fenomeni di marginalità e di esclusione sociale;
  • promozione della partecipazione e del protagonismo dei minori e dei giovani, perché diventino agenti del cambiamento.

Il progetto RI-CREO

Il progetto RI-CREO: Spazi educativi per giovani e famiglie parte dalla necessità di promuovere un punto di riferimento territoriale e regionale come luogo attivo per sperimentare, attuare e consolidare interventi di sostegno di welfare di comunità nei quali giovani e famiglie diventino protagonisti sia come beneficiari degli interventi che come soggetti attivi degli interventi stessi.

In particolare l’Associazione di Promozione Sociale Soggiorno Proposta intende continuare a proporsi come polo multifunzionale aperto alla cittadinanza attiva e al volontariato, capace di integrare in maniera propositiva sfera sociale, lavorativa e psicologica valorizzando la dimensione sociale del processo educativo che coinvolge minori, giovani e famiglie ma anche tutti coloro che partecipano con responsabilità alla crescita delle persone.

Gli spazi messi a disposizione dall’Associazione Soggiorno Proposta creano la cornice ideale per il progetto RI-CREO: Spazi educativi per giovani e famiglie che si propone di fornire delle concrete soluzioni che mirano a fronteggiare i disagi evidenziati e acuiti dalla chiusure delle scuole e dalla difficoltà di conciliazione dei tempi di lavoro dei genitori e di vita familiare, che hanno provocato un “trauma” mandando in crisi spesso i rapporti figli-genitori con evidenti ripercussioni psicologiche su entrambi.

La proposta mira ad attivare un welfare di comunità che possa sostenere i beneficiari nel processo di ri-costruzione del loro vissuto sociale e relazionale contrastando i fenomeni di povertà emotiva, educativa e sociale alimentati dalla pandemia. Le attività proposte infatti, hanno l’obiettivo di incentivare una modalità di apprendimento che passa attraverso la relazione, la socialità e la sperimentazione permettendo agli utenti di riappropriarsi delle proprie azioni e della restaurazione di interazioni positive. L’adesione al progetto di una pluralità di partner, inoltre, permette la creazione di una rete di sostegno al target nella ripresa del percorso di vita contrastando l’isolamento ed il senso di sfiducia verso la società ed il proprio futuro.

Il progetto è un’opportunità per il territorio in quanto poche sono le realtà che affrontano le tematiche sostenute dal progetto. La proposta progettuale è innovativa perché utilizza un mix di strumenti con finalità educative orientate alla promozione del benessere, al miglioramento delle risorse individuali, ad accogliere le difficoltà emotive e relazionali dei giovani, delle loro famiglie e degli operatori coinvolti. La solitudine sperimentata dai ragazzi nel periodo pandemico è stata legata essenzialmente alla carenza di attività extrascolastiche ed allo svolgimento delle attività scolastiche in DAD. Pertanto è necessario raggiungere i giovani in ogni modo e fornire ai genitori gli strumenti e le conoscenze per poter comprendere e leggere i bisogni e le necessità dei propri figli. Innovativo è l'intervento di collaborazioni che si rendono maggiormente disponibili attraverso un link diretto con i loro bisogni ed esigenze affinché ogni cittadino possa realmente prendere parte attiva alla vita comunitaria.

Offrire una proposta socio educativa di aggregazione e di comunità consente all’Associazione Soggiorno Proposta di ambire ad obiettivi sociali complessi il cui raggiungimento è anche legato al coinvolgimento attivo dei destinatari. Il lavoro comunitario associato alla proposta educativa rappresentano insieme l’elemento di forte innovazione progettuale dove il giovane e la famiglia non sono più solo beneficiari ma anche soggetti attivi. Tale modello, trasferibile in più e diversi contesti, risulta essere inoltre di grande innovazione sociale in quanto intende agire anche sulla prevenzione come valorizzazione del benessere e quindi mira ad incentivare atteggiamenti attivi e creativi dei giovani e le loro competenze sociali.

La metodologia prevista utilizzata è esperienziale, ovvero parte dall’esperienza per creare spunti di riflessione. L’approccio è quello del Learning by Doing.

Il progetto proposto è innovativo in quanto è contemporaneamente:

  • attivo, legato cioè al fare, allo sperimentare insieme;
  • formativo, cognitivo e creativo, perché capace di coinvolgere i pensieri e il mondo interiore del singolo, generando apprendimenti a partire dalla conoscenza di sé e delle proprie emozioni;
  • comunicativo, in quanto utilizza linguaggi differenti ed inclusivi in grado di stimolare l’individuo nella sua globalità;
  • preventivo, per aumentare e migliorare le conoscenze dell’individuo rafforzando la consapevolezza di sé ed il senso di autoefficacia diventando agente di cambiamento;
  • collaborativo e partecipativo, perché la dimensione sociale ed il contesto di apprendimento permettono la condivisione di intenti, atteggiamenti e stili comunicativi inclusi e condivisi.

Destinatari

n. 100 giovani della fascia di età 11-17 anni e 50 famiglie.

Attività

ATTIVITÀ 1: ASCOLTO TERRITORIALE E INDIVIDUAZIONE DEI BENEFICIARI

ATTIVITÀ 2: LABORATORI DI SVILUPPO EMOTIVO E CONSAPEVOLEZZA DEL SE’ BY ORIENTA EXPRESS

Con l’utilizzo del modello Orienta Express, indirizzato a giovani di età compresa tra gli 11 e i 17 anni e a genitori che sentano il bisogno di sviluppare una maggiore autoconsapevolezza e responsabilità nell’affrontare le situazioni di vita quotidiana; nello specifico, la metodologia dell’Orienta Express intende collocarsi come strumento di orientamento e confronto tra pari e intergenerazionale. Il laboratorio verrà sviluppato con la collaborazione del Comune di Fossacesia e la professionalità di orientatori certificati con il modello Orienta Express.

ATTIVITÀ 3: LABORATORI DI TEATRO PER CRESCERE INSIEME

Il laboratorio ha promosso l’esplorazione del proprio corpo e delle proprie emozioni e lo sviluppo di capacità relazionali ed empatiche di un gruppo di ragazzi tra gli 11 e i 17 anni. Le attività hanno luogo mediante il contributo dell’Associazione teatrale Il Canovaccio di Chieti.

Il progetto è intitolato “C’era due volte il Barone Lamberto” di Rodari e gli incontri svolti finora sono i seguenti:

  1. Date: 13/04/2022
  2. Date: 20/04/2022
  3. Date: 27/04/2022
  4. Date: 29/04/2022

Le successive date sono in fase di calendarizzazione.

ATTIVITÀ 4: LABORATORI DI LEGALITA’ E CITTADINANZA ATTIVA

Sono rivolti a giovani di età compresa tra gli 11 e i 17 anni, con la finalità di lavorare sulla prevenzione di comportamenti devianti e sulla diffusione e sensibilizzazione circa i valori della legalità e responsabilità a livello sociale e comunitario. Le azioni vedono realizzazione attraverso l’intervento della Onlus Associazione Prossimità alle Istituzioni di Pescara.

Anche per questo laboratorio l’APS Soggiorno Proposta ha messo a disposizione un tecnico per portare avanti le attività. Hanno, inoltre, collaborato gratuitamente quattro volontari dell’Associazione Onlus Prossimità alle Istituzioni: l’ex Prefetto di Pescara D’Antuono Vincenzo, il volontario della Polizia di Stato Trozzi Donato e due volontari della Protezione civile D’Orazio Livio e Miscia Eduardo.

Il laboratorio è così articolato:

 Laboratorio “Protagonisti della legalità” 

- 29/03/2022 dalle 16.00 alle 18.00

- 05/04/2022 dalle 16.00 alle 18.00

 Laboratorio “Io sono civico” 

- 12/04/2022 dalle 15.00 alle 17.00

- 19/04/2022 dalle 15.00 alle 17.00

 Laboratorio “Contro le dipendenze” 

- 26/04/2022 dalle 16.00 alle 18.00

 - 03/05/2022 dalle 16.00 alle 18.00

ATTIVITÀ 5: SPAZIO DI SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA’ E SENSIBILIZZAZIONE OPERATORI E VOLONTARI

Sono previsti due seminari informativi e di sensibilizzazione rivolti, rispettivamente, a genitori e operatori e volontari dell’APS Soggiorno Proposta di Ortona. L’Associazione ha un ruolo chiave nella realizzazione degli incontri finalizzati ad offrire alla comunità uno spazio ed un’occasione per confrontarsi e formarsi relativamente a temi di sempre maggior rilevanza nella società attuale, specie nel periodo storico che stiamo attraversando.